Salta al contenuto principale

Venezia al #FORUMPA2020

Anche quest’anno la Città di Venezia ha partecipato al ForumPA 2020, la più grande manifestazione della Pubblica Amministrazione italiana, con tre interventi in cui la città lagunare ha presentato alcune fra le sue best practice e i risultati raggiunti in tema di transizione digitale dell’amministrazione e dei servizi pubblici.

Il primo tema affrontato è stato quello de CRM e dei servizi digitali multicanale, organizzato il 6 luglio da Roma Capitale e che ha visto invitata Venis spa, la società ICT del Comune di Venezia, considerata un benchmark nel panorama nazionale con la piattaforma DiMe, che permette ai cittadini di avere accesso diretto a tutti servizi pubblici della città da qualunque canale (web, telefono) con un proprio profilo sicuro e con la possibilità di vivere la città e i suoi servizi sia in modalità self-service 24 ore su 24 o con assistenza telefonica tutti i giorni dalle 8 alle 17.

La direttrice generale Alessandra Poggiani ha anche raccontato come aver sviluppato una piattaforma di CzRM Citizen Relationship Management avanzato ha permesso alla Città di Venezia di superare la sfida dell’emergenza COVID mantenendo inalterati i servizi sul canale digitale, erogando nuovi servizi  digitali specifici per l’emergenza  (ad esempio le richieste dei buoni spesa e le consegne a domicilio) e stabilendo un contatto costante con la cittadinanza (sono state più di 70.000 le telefonate gestite e oltre 200.000 le interazioni sul canale digitale). In questo incontro Poggiani ha inoltre descritto le esperienze di collaborazione con altre amministrazioni italiane su DiMe, specificamente con i Comuni di Reggio Calabria, Roma e Milano.

Il 7 luglio si è invece tenuto, organizzato dall’Agenzia per la Coesione, un seminario sullo sviluppo urbano come fattore di resilienza e il contributo per Venezia dei programmi PON GOV e PON METRO con Luca Battistella, consigliere delegato alla Smart City del Comune di Venezia, Paola Ravenna, responsabile dell’Organismo Intermedio del Comune di Venezia e Alessandra Poggiani direttrice generale di Venis spa. Paola Ravenna ha introdotto i 4 assi del piano operativo della Città (digitale, mobilità urbana, inclusione sociale, assistenza tecnica), evidenziando l’efficienza del sistema integrato sviluppato dal Comune di Venezia che ha consentito ad una smaterializzazione dei processi e dei servizi. Alessandra Poggiani ha descritto come i progetti PON METRO e PONGOV, attuati per il Comune da Venis spa, contribuiscono ad accrescere la resilienza della Città di Venezia nell’affrontare situazioni emergenziali, realizzando un unico ecosistema tecnologico per la Città di Venezia, grazie all’integrazione tra i diversi interventi. Il Consigliere Luca Battistella ha evidenziato come tutti questi interventi tendano a sviluppare un nuovo modo di vivere la città, con un approccio meno frammentato, orientato alla crescita delle competenze in ambito tecnologico e digitale nell’amministrazione, e soprattutto ad una maggiore vicinanza tra il cittadino e il Comune. Tutto questo, sostiene Battistella, “è stato possibile anche grazie alla fibra ottica distribuita capillarmente nella Città che rende più efficienti e avanzate le soluzioni adottate”.

Per ultimo l’8 luglio Paolo Bettio, Amministratore unico di Venis, ha partecipato al workshop “Data driven Smart cities” organizzato da TIM presentando la Smart Control Room del Comune di Venezia. La Smart Control Room non è solo una centrale di controllo tecnologicamente all’avanguardia e unificata in grado di monitorare la mobilità e la sicurezza della città, ma anche e soprattutto il luogo in cui confluiscono tutti i dati (fra cui: quelli dei trasporti, della videosorveglianza, ambientali, CRM, ecc.) attraverso cui possono essere gestite tempestivamente le emergenze e su cui si possono realizzare analisi predittive per migliorare la pianificazione della gestione di una realtà complessa come quella di Venezia e del suo territorio. Bettio ha ricordato che “esistono già oggi varie centrali di controllo in città, come quella del sistema di trasporto pubblico urbano (bus, navigazione, tram),  quelle che monitorano il trasporto privato  e quelle ambientali, ma l'obiettivo dell'Amministrazione è di superare questo sistema parcellizzato e arrivare a dotarsi di una centrale unica, che integri e raccolga i dati derivanti da tutte le fonti, per riuscire a garantire il monitoraggio e la sicurezza della città a 360 gradi.” La Smart Control Room è oramai arrivata al traguardo. In fase avanzata di collaudo e in funzione già sperimentalmente, sarà rilasciata definitivamente entro settembre. La centrale inoltre è progettata per prevedere la possibile integrazione con i dati di altri sistemi di monitoraggio esistenti, quali quelli di aeroporto, porto, ferrovie, Anas, rete autostradale, Mose e sistema museale, ampliando progressivamente la capacità di “conoscere” quello che accade sul territorio in tempo reale.

Il Comune di Venezia, attraverso Venis, parteciperanno anche sabato mattina alla diretta di chiusura del Forum di quest’anno “Staffetta digitale”, per illustrare le collaborazioni e riusi fra amministrazioni per la trasformazione digitale.

 

_________________________

Il “Forum PA 2020 – Resilienza digitale”, è la principale manifestazione della Pubblica Amministrazione, quest’anno organizzata completamente online dal 6 all’11 luglio con sei giorni di diretta streaming, oltre 100 eventi virtuali con più di 300 relatori per la più grande manifestazione digitale dedicata ai temi dell’innovazione e della trasformazione digitale anche come risposta alla crisi.