Skip to content

Biennale Architettura: inaugurato il Padiglione Venezia

27/05/2018

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, e il presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati hanno inaugurato venerdì 25 maggio la mostra “Follow UP! Venice shares Knowledge”, realizzata al Padiglione Venezia nell'ambito della Biennale di Architettura 2018. Presenti alla cerimonia, col presidente della Biennale, Paolo Baratta, e numerose autorità, anche, per l'Amministrazione municipale, la vicesindaco, Luciana Colle, gli assessori Paola Mar, Massimiliano De Martin, Michele Zuin, il consigliere delegato del sindaco all'Innovazione, Luca Battistella, vari consiglieri comunali, per Venis l'amministraore unico Paolo Bett“Ringrazio davvero di cuore – ha sottolineato nel suo intervento il sindaco – tutte le persone che hanno reso possibile questo evento. Il Comune ha fortemente voluto che si rinnovasse la presenza, storica, del Padiglione Venezia, all'interno della Biennale, per rappresentare la forza che ha oggi questa città, per raccontare le sue eccellenze, e quello che facciamo per renderla, anche dal punto di vista dell'innovazione, ancora migliore. Un grazie alla Biennale anche per aver creduto nel progetto di portare l'esposizione in Terraferma: per il terzo anno consecutivo c'è un padiglione ufficiale a Forte Marghera.”

“E per me un grande onore – ha spiegato la presidente del Senato Casellati – essere qui oggi per visitare in anteprima un luogo meraviglioso, dove arte, architettura, storia e cultura si incontrano col fascino e la bellezza di questa città. Il padiglione Venezia promuove l'architettura come progetto, come gestione condivisa dei dati e delle conoscenze, come incontro di saperi ed esperienze, di sentimenti e di bisogni, di aspettative e di diritti.”

L'esposizione, che rimarrà aperta sino al 25 novembre, promuove la realizzazione di un progetto di gestione condivisa della conoscenza con lo scopo principale di valorizzare la città di Venezia e la sua area metropolitana. Nel Padiglione sarà infatti possibile, da parte dei visitatori, scaricare e riusare parti della immensa mole dei dati messi a disposizione dai partner aderenti. I dati e le informazioni sono riutilizzabili da tutti in una sorta di “Follow UP!” per immaginare e riscrivere politiche e strategie utili a gestire la città e la sua dimensione metropolitana, nonché il suo patrimonio d’arte e di vita.

“E' un sogno – ha sottolineato il delegato Battistella – che si realizza oggi: quello di raccontare la città attraverso dei linguaggi meno consueti, che non vediamo e percepiamo immediatamente, ma che sono entrati prepotentemente nella vita quotidiana e ne costituiscono ormai l'imprescindibile divenire.”

Venis ha partecipato alle attività di progettazione e collaborato fattivamente all'allestimento mettendo a disposizione materiale informatico e audiovisivo, nonchè garantendo la connettività del padiglione.